A

  • Agente di Assicurazione

    Secondo la definizione contenuta nell'Accordo Nazionale Imprese-Agenti di Assicurazione (art. 2), "E' Agente di Assicurazione colui che, mettendo a disposizione del pubblico la propria competenza tecnica, svolge stabilmente in forma professionale ed autonoma l’incarico di provvedere a proprio rischio e spese, con compenso in tutto od in parte a provvigioni, alla gestione ed allo sviluppo degli affari di un’Agenzia promuovendo la conclusione di contratti per conto di una o più Imprese di Assicurazione”. Gli Agenti di Assicurazione sono iscritti in un apposito Albo Professionale tenuto dall’ISVAP.

  • Assicurato

    Il soggetto il cui interesse è protetto dall'Assicurazione o la persona fisica o giuridica la cui Responsabilità Civile è coperta dall'Assicurazione.

  • Assicurazione

    Garanzia prestata con il Contratto di Assicurazione, tramite il quale un soggetto (Assicurato) trasferisce ad un altro soggetto (Assicuratore) un rischio al quale egli è esposto (per natura o per disposizione di legge).

B

  • Beneficiario

    Persona fisica o giuridica, designata dal Contraente, avente diritto alla prestazione garantita dalla polizza. Questa figura può coincidere con il Contraente e/o l'Assicurato, o con una sola di queste o, addirittura, con nessuna.

  • Broker

    Soggetto la cui professione consiste nel mettere in contatto Imprese di Assicurazione (alle quali non è vincolato) e potenziali Assicurati che intendono avvalersi della sua collaborazione per la copertura dei rischi, l'assistenza nella determinazione dei contratti e la gestione degli stessi.

C

  • Capitale Assicurato

    E' la somma assicurata dichiarata dal Contraente  che indica il valore  delle cose da assicurare. Nelle Assicurazioni sulla vita è la somma dovuta al Beneficiario in alternativa all'erogazione di una rendita vitalizia. 

  • Condizioni Generali di Assicurazione

    Sono le clausole di un Contratto di Assicurazione che ne regolano gli aspetti generali quali il pagamento del premio, la decorrenza della Garanzia e  la durata del Contratto. Possono essere integrate da Condizioni Speciali e aggiuntive.

  • Condizioni Particolari di Assicurazione

    Sono le clausole che vengono concordate, di volta in volta, dalle parti in base al Contratto da stipulare e con le quali si vuole ampliare o diminuire la Garanzia Assicurativa prevista dalle Condizioni Generali del Contratto stesso.

  • Contraente

    E' la persona fisica o giuridica che stipula il Contratto di Assicurazione e che si obbliga a pagarne il premio.

  • Contratto di Assicurazione

    E' il contratto con il quale l'Assicuratore, dietro pagamento del premio, si impegna a risarcire l'Assicurato del danno subito a causa di un sinistro.

D

  • Decorrenza

    E' la data di inzio dell'Assicurazione; se il premio è corrisposto contestualmente alla stipula della polizza, essa coincide con la data di effetto della garanzia, cioè il momento in cui la garanzia diviene concretamente effettiva.

  • Denuncia di sinistro

    E' l'avviso che l'Assicurato è tenuto a dare all'Assicuratore in caso di avvenuto sinistro. Salvo diversa indicazione, deve essere comunicato entro tre giorni dalla data del sinistro, oppure dalla data in cui l'Assicurato ne è venuto a conoscenza.

  • Disdetta

    E' la comunicazione che il Contraente deve inviare all'Assicuratore (o viceversa), entro il termine prefissato, per evitare che il Contratto di Assicurazione venga prorogato tacitamente. 

F


  • Franchigia

    E' l'importo relativo alla parte di danno, che, in caso di sinistro rimane a carico dell'Assicurato. Viene espressa in cifre o in percentuale e si applica sulla somma assicurata. Diverso invece è lo scoperto, che viene espresso in percentuale e si applica sul danno, quindi, la franchigia è calcolabile a priori, lo scoperto no.

I

  • Indennizzo

    E' la somma che l'Assicuratore deve all'Assicurato in caso di sinistro, a titolo di risarcimento del danno. 

M

  • Massimale

    E' la somma massima che, nelle polizze a responsabilità civile, l'Assicuratore è tenuto a corrispondere al terzo danneggiato in caso di sinistro a titolo di risarcimento del danno.

P


  • Polizza di Assicurazione

    E' il documneto che attesta l'esistenza del Contratto di Assicurazione.

  • Premio

    E' la somma che l'Assicurato deve corrispondere all'Assicuratore a fronte della garanzia prestata. 

R

  • Risarcimento

    E' la somma spettante al danneggiato in caso di sinistro a titolo di risarcimento del danno (Indennizzo).

  • Rischio

    E' la probabilità che si verifichi il Sinistro.

S

  • Sinistro

    E' il verificarsi dell'evento dannoso per il quale è prestata l'Assicurazione. 

  • Somma assicurata

    E' la somma massima che l'Assicuratore è tenuto a risarcire in caso di sinistro. Rappresenta il valore attribuito ai beni oggetto dell'Assicurazione sul quale viene calcolato l'ammontare del premio. 

V

  • Valore assicurato

    E' il valore dichiarato in polizza e rappresenta la misura dell'interesse sottoposto ad Assicurazione. Deve corrispondere al valore commerciale o a nuovo al momento della stipula del Contratto di Assicurazione. Valore assicurato e valore assicurabile possono non coincidere dando vita così ai fenomeni di sottoassicurazione o soprassicurazione.